Ognissantigiorni piove

Piove, piove e fa caldo, le strade sono semideserte, è un giorno di festa, ma c’è chi come me lavora, lavora e si gode le strade vuote, le rotonde non trafficate, la pioggia che cade e ti accompagna in un viaggio a nord di una periferia mondo. La radio mi dice che anche oggi è allerta meteo… allerta… e qual è la novità. Vivo in una terra dove devi stare sempre allerta, allerta per non cadere, perché se cadi rischi di farti male, farti male per sempre. Allerta, allerta e camminare sotto al muro in una giungla metropolitana che non fa sconti a nessuno. I The giornalisti intanto mi fanno sapere da radio kiss kiss Napoli, che il sole da New York sveglia nel mattino e vorrei dormire ancora un po’… ma per fare cosa? Per pensare? Meglio esser svegli, perché a pensare troppo s’esce pazze! Intanto le gocce di pioggia appannano i vetri di una macchina che va e… lasciamola andare.

Share this nice post:
This entry was posted in Riflessioni, Storie di periferia. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>