Ed è subito sera…una toccante intervista per parlare di Dario Scherillo e di tutte le vittime innocenti di camorra

Posted in Legalità, Libri | Leave a comment

HANNO UCCISO “L’UNITA’”…

“Ci sono storie che non dovrebbero finire, per la storia che hanno raccontato e testimoniato, per quella che hanno cercato di capire, per chi ci ha creduto, per chi ci ha messo passione, professionalità e attaccamento. Questa storia, la nostra, hanno deciso di chiuderla nel modo peggiore, calpestando diritti, calpestando lo stesso nome che porta questa testata, ciò che ha rappresentato e ciò che avrebbe potuto rappresentare.”.

Queste sono le chiare, lucide, amari parole adoperate nel comunicato dalla “assemblea delle redattrici e dei redattori de l’Unità”, tenutasi nel pomeriggio di venerdì 2 giugno, Festa della Repubblica Italiana.

La testata fondata da Antonio Gramsci è morta…

Assassinata da Matteo Renzi e dall’attuale direzione nazionale del Partito Democratico.

A testimonianza del fatto che il P.D. non ha niente a che vedere con il Partito Comunista Italiano di una volta e con la sinistra in generale.

“L’Unità” del Compagno Gramsci era venduto in edicola e da militanti; questi ultimi, specificamente nei giorni festivi, si impegnavano nella vendita porta-a-porta: quando ancora lavoravo nelle Ferrovie dello Stato, in Toscana, di domenica me lo consegnavano fin dentro il casello del P.L. dove prestavo servizio…

Poi li incontravi in tutte le manifestazioni del 25 aprile, del 1° maggio, partitiche, sindacali, unitamente ai Compagni de “il Manifesto” (che ancora è in vendita in edicola!).

“L’Unità” era un gran bel giornale, completo; con Walter Weltroni direttore ebbe un boom di vendite e di diffusione senza precedenti…

Alcuni numeri sarebbero divenuti “d’archivio”, come quelli stampati in occasione della morte di Enrico Berlinguer o di grandi eventi.

Certo, tanti altri giornali sono scomparsi dalle edicole; le stesse edicole stanno scomparendo…

Ma di testate come “l’Unità”, “l’Europeo”, “l’Occhio”, “Ottobre”, “Rosso”, “Lotta Continua”, per me, si sente la mancanza nel panorama giornalistico italiano…

Meno male che “www.toninoscala.it” e “www.sinistraemezzogiorno.it” r-esistono ancora!

EMILIO VITTOZZI

Posted in Riflessioni | Leave a comment

“VINI E CUCINA”

 

di Emilio Vittozzi

 

Scesi nella stupenda Stazione di Mergellina delle Ferrovie dello Stato (autentica struttura vintage tutta d’ammirare!), ci si incammina per pochi metri ed in Via Piedigrotta, c’è “Vini e Cucina”, oggi diretta da Salvatore Liguori, placido erede spirituale di un’attività commerciale iniziata nel lontano 1913.

Salvatore accoglie i clienti che fa accomodare ad uno degli undici tavoli del locale (ecco perché è utile prenotare allo 081/667923): qui vince sovrana la cucina popolare napoletana!

Ai fornelli la mamma, Luisa, con la collaborazione di Elisa, sorella di Salvatore, sforna primi, secondi e contorni tutti i giorni (tranne la domenica, chiuso per riposo settimanale).

Atmosfera tranquilla, serena, senza tele o radio in sottofondo…

“Il tempo va / volano le ore” canta Alex Britti e ciò accade da “Vini e Cucina”: molto pesce di giornata che predomina nei primi e secondi piatti…

Non esiste il menù: Salvatore elenca, con dovizia di particolari, ciò che la “ditta” offre: pasta olive e capperi, con patate, con fagioli, con vongole, con lupini, al filetto di pomodoro, gnocchi, bistecca ai ferri, pesce alla griglia, salsiccia, costoletta di maiale, polpette fritte, polpette alla salsa, provola affumicata, frittura di paranza, contorni vari.

L’antipasto è davvero diverso dal consueto: alici fritti, alici marinate, zeppoline d’alghe, melenzane arrostite, crocchette di patate, tutto di autentica qualità!

Ad un tavolo una giovane coppia di innamorati mangia con gusto e “si mangia” con gli occhi (ah, l’Amore…); ad un altro, tre giovani scherzano fra loro, mangiando beatamente, commentando tutto con simpatica ironia.

Salvatore, noto fan di Diego Armando Maradona, serve tutti, con calma, non disdegnando una parola con ogni cliente…

Il rapporto qualità-prezzo è eccellente!

Parola di EMILIO VITTOZZI

 

Posted in Gastronomia, Riflessioni | Leave a comment

PORTICI DEMOCRATICA ED ANTIFASCISTA RIFLETTE…

 In preparazione alla Festa di venerdì 2 giugno 2017 – 71° Compleanno della Repubblica Italiana – il Centro Sociale Polifunzionale di Via Benedetto Croce a Portici, presieduto dal dinamico Presidente Giovanni De Stefanis, ha organizzato la ventesima presentazione del libro “Quella sporca dozzina” di Tonino Scala ed Emilio Vittozzi.

L’Iniziativa è stata inserita in un cammino di preparazione alle varie Feste succedutesi ultimamente (25 aprile e 1° maggio) con proiezioni di film inerenti il tema e concerti di locali band giovanili. Questo perché la struttura vede l’attiva presenza in loco di tanti anziani e molti giovani, per cui sono stati organizzati doposcuola (dal lunedì al venerdì) per ragazzi delle Elementari e Medie provenienti da Portici e dal circondario, serate di ballo di gruppo, serate di karaoke, tornei di carte, corsi di teatro, presentazioni di libri, mostre fotografiche e concerti.

In un momento in cui le sedi di partito e di sindacato non sono più affollate come una volta visto l’innegabile distacco dall’impegno partitico-sindacale di tantissima gente, questo Centro è visitato quotidianamente da decine e decine di ragazzi, giovani ed anziani, tutti impegnati in qualche modo.

Cosicchè domenica 28 maggio, Festa dell’Ascensione di Nostro Signore e di Sant’Emilio, i due Autori del libro hanno trovato ad ascoltarli ben più di cento persone, distaccatesi dagli schermi di Mamma RAI e del Cavaliere Mascarato, per parlare di Pace…

Il salone era addobbato con un grande pannello bianco su cui i più giovani avevano colorato, con pensieri e disegni, la relazione tra pace e progresso, tra pace e diritti fondamentali quali lavoro, istruzione, casa, salute, previdenza, senza i quali non si può assolutamente parlare di “pieno sviluppo della persona umana”, di sovranità popolare, di democrazia! E poi tanti altri significativi striscioni inerenti il tema della Pace e dei dodici protagonisti del libro presentato.

Ad aprire e chiudere la manifestazione il duo Manuele ed Antonello che si sono esibiti in particolarissime esibizioni di “Imagine” di John Lennon e “Knockin’on heaven doors” dei Gun’s Roses, molto apprezzate dai tanti presenti; Michele, in cabina di regia, mandava sul maxischermo immagini sonorizzate dei protagonisti del libro e videoclip giornalistiche; Tonia presiediava il tavolino con i libri in vendita, il cui ricavato va alle Vittime innocenti di camorra.

La manifestazione, iniziata alle 18 circa e terminata alle 19.30, è scivolata via in un’attenzione generale mai scemata, con applausi scroscianti non comandati (come nelle varie trasmissioni televisive…), la vendita autografata di moltissime copie del libro, un sobrio buffet finale.

Cosicchè, ancora una volta, si è parlato di Madre Teresa di Calcutta, don Tonino Bello, Nelson Mandela, Martin Luther King, Antonino Caponnetto, Mons. Oscar Romero, don Helder Camara, Giorgio La Pira, Aldo Capitini, don Peppe Diana, John Lennon, Padre Alex Zanotelli e Peppino Impastato (a cui è stato dedicato il libro)….

A tutti i presenti non sembrava vero che per una volta, in una calda domenica pomeriggio di maggio, non si parlasse di Barbara d’Urso o di Massimo Giletti ma della banalità del bene, tramite le gesta di persone non più di questo mondo ma ben presenti in tanti come Tonino ed Emilio.

Questo perché ci sono vivi che puzzano di morte e morti che profumano di Vita…

 

 

Posted in Libri | Leave a comment

Proiezione anteprima del trailer di Felicissime Condoglianze

Posted in Senza categoria | Leave a comment

UNA VAGONATA DI ENTUSIASMO GIOVANILE, DI LEGALITA’, DI RICORDI…

Venerdì 26 maggio, presso la Stazione di Montesanto dell’ex Cumana, si è tenuto un momento di ricordo di Pietru Birladeanu, Vittima innocente della camorra, ucciso nella stazione a lui intitolata otto anni or sono.

Il Presidio Vomero-Arenella di LIBERA, da tre anni ne tiene viva la memoria con iniziative semplici ma sempre ricche di significato.

Quest’oggi la manifestazione si è tenuta al piano superiore, proprio dinanzi ai quattro binari, per coinvolgere anche i passeggeri in attesa dei treni: gli alunni di alcune classi dei Licei “Jacopo Sannazaro” ed “Adolfo Pansini” di Napoli hanno ricordato lo sventurato fisarmonicista extracomunitario attraverso disegni, monologhi, poesie e canzoni. Nel frattempo cordiali ragazzi e sorridenti ragazze distribuivano a tutti un volantino dal significativo titolo “sai chi è Petru Birladeanu? sai che questa stazione dal 2016 porta il suo nome?”.

Otto anni fa il drammatico omicidio, un anno fa l’intitolazione della stazione, quest’anno si continua a parlare di Petru per la costruzione di una memoria collettiva e condivisa.

Petru era un Uomo che si guadagnava da vivere suonando la fisarmonica sui treni dell’ex Sepsa. Il 26 maggio 2009, all’età di 33 anni, ha perso la vita nella stazione di Montesanto: otto uomini, a bordo di quattro moto, quel funesto giorno spararono per dimostrare di avere in pugno tutto il territorio, piazza Montesanto e stazione compresi. Due di quei proiettili colpirono Petru, Vittima innocente di camorra! E’ morto davanti ai tornelli della stazione, tra le braccia della moglie Mirela, nella paura e nell’indifferenza di tutti…

La manifestazione di oggi è terminata con un appassionato discorso di Maria Teresa Nicastro, Studentessa Universitaria, Referente del Presidio di LIBERA Vomero-Arenella, che con parole accorate, sincere, sentite ha spiegato il significato dell’intera riuscita manifestazione, terminata con un mazzo di fiori deposto dinnanzi la teca che conserva la fisarmonica di Petru.

 EMILIO VITTOZZI

(Foto di Ferdinando Kaiser)

Posted in Legalità, Riflessioni | Leave a comment

Ai posteri l’ardua sentenza, per il momento c’è la sentenza del Tar!

In alcuni paesi si vota a sedici anni, in Italia no, non esiste una norma che afferma questo principio. Giusto o non giusto, non voglio entrare nel merito della questione, ma è un dato di fatto: i sedicenni non possono votare. Può un ragazzo italiano il giorno delle elezioni presentarsi in un seggio e votare? Che domanda stupida direte. Vero, ma è ciò che è accaduto con la nomina dei dirigenti dei musei italiani secondo il Tribunale Amministrativo. La cosa più grave sulla sentenza del Tar che ha bocciato il ricorso del ministero, è che deputati, dirigenti politici, ministri, segretari di partito e ex Presidenti del Consiglio si stiano esprimendo come in una discussione da bar per nascondere un baro. Mala fede? Semplice ignoranza? Distrazione? Non so rispondere! Ma cosa è successo nei musei italiani? Semplice la legge proposta dal governo e dal ministro, approvata dal parlamento in merito alla vicenda in questione, non ha modificato una norma che ostacolava la partecipazione di cittadini stranieri ad assumere incarichi di funzioni dirigenziali nella P.A. italiana. Tutto qui. Va precisato, cosa che lo stesso ministro non dice, che la sentenza del Tar dice anche altro:

- i colloqui di valutazione si sono svolti a porte a chiuse, questo nelle selezioni pubbliche non è possibile, la legge lo vieta.

- Il criterio di valutazione usato non consente di comprendere il reale punteggio attribuito a ciascun candidato.

Ciucci, distratti o in mala fede? Non sta a me deciderlo, ai posteri l’ardua sentenza, per il momento c’è la sentenza del Tar!

Posted in Riflessioni | Leave a comment

GINO RIVIECCIO SHOW – RETROSCENA

 

 

 

 Gino Rivieccio è nato a Napoli il 31 Gennaio 1958, giorno in cui a Portici si festeggia San Ciro e in tutto il mondo San Giovanni Bosco, Fondatore dei Salesiani.

Dopo aver iniziato giovanissimo a recitare in un gruppo di cabaret, si è accostato allo spettacolo nel 1979, lavorando in teatro e televisione anche con Nino Taranto, Luisa Conte, Pietro de Vico, Paolo Villaggio, Carmen Russo, Marco Columbro, Marino Bartoletti, Mara Venier, tanto per citare dei nomi di cui non si può discutere la celebrità.

Molto tempo è passato dalla prima esibizione che risale all’età di cinque anni, quando in piedi sulla sedia, davanti a tutti i parenti, il giorno di Natale, recitò la poesia a Gesù bambino in lingua Napoletana.

Ha scritto “Divieto di siesta” (Flavio Pagano Editore) – £ 28.000 – con la prefazione di Mimmo Liguoro nel 1992 e “Retroscena” (Graf Edizioni) – € 14,90 – con la prefazione di Antonio Ghirelli nel 2008 con annesso un’esilarante dvd dal titolo “Gino Rivieccio Show”.

Gino Rivieccio possiede il senso della misura, il gusto della battuta, essendo un attento e formidabile osservatore, trasferendo la realtà nel suo mondo concettuale e rimandandola al pubblico sotto forma di notizia commentata. La battuta greve, volgare, a doppio-senso non è nelle sue corde. Brilla per educazione, savoir-fair, eleganza. Personalmente ho ricordi incancellabili di una Manifestazione di Solidarietà organizzata dalla Circumvesuviana srl, un’asta da me “presentata” e da lui “condotta”: ebbene la sintonia che si creò poteva sembrare il frutto di una vecchia amicizia, invece era la conseguenza più naturale di stima e rispetto dei ruoli. In pratica, io ero la sua spalla in quell’occasione. E il risultato? Oltre 15.000 € di Solidarietà!

L’acquisto di questo libro con dvd è caldamente caldeggiato da chi scrive, non perché Amico di Rivieccio, né per un’ipotetica percentuale per me sulla vendita, ma solo ed esclusivamente perché ne vale la pena: è un acquisto intelligente, che fa bene alla testa. Ridere e sorridere senza volgarità…

 

Nei giorni scorsi ho rivisto il dvd che dura un’ora e 30 minuti circa: nonostante sia datato 2008 non ha la “polvere del vecchio”: si, è vero Antonio Bassolino, Rosa Russo Iervolino, Dan Peterson, Franco Carraro non sono più sui giornali quotidianamente, ma , nonostante ciò, le gags su di lui fanno ancora sor-ridere e pensare. Segno evidente di un umorismo non datato, non volgare, senza doppisensi sessuali tanto adoperati nei film “di Pierino”…

Esilaranti le gags “Il cameriere”, “Operazione antiterrorismo”, “Napoli è un’emozione”.

Attualmente Gino Rivieccio è presente settimanalmente in televisione a parlare del Napoli di Mister Sarri (ed a me, che non sono tifoso biancoazzurro, i suoi interventi piacciono sempre!).

 

EMILIO VITTOZZI

 

(libro + dvd “Gino Rivieccio Show”)

€ 14,90

Edizioni Graf

 

 

 

Posted in Libri | Leave a comment

“QUELLA SPORCA DOZZINA” a Portici

Continua il tour per la presentazione del libro “Quella sporca dozzina”di Tonino Scala ed Emilio Vittozzi, dopo quelle di Sabato 28 Gennaio 2012 al “Teatro Sales” di Portici, di Sabato 25 Febbraio 2012 a “Villa Bruno” a San Giorgio a Cremano, di Giovedì 8 Marzo 2012 a “Villa Savonarola” a Portici, di Martedì 20 Marzo 2012 alla Biblioteca del CRAL della Circumvesuviana di Napoli, di Venerdì 30 Marzo 2012 a “Stabia Channel”, di Sabato 21 Aprile 2012 al Palazzo dell’Infanzia e dell’Adolescenza di Via Semonella a Pascarola – Caivano, di Giovedì 7 Giugno 2012 alla Basilica di San Mauro Abate a Casoria, di Venerdì 8 Giugno 2012 alla “Vecchia Pastaia” di Via Marra a Boscoreale, di Giovedì 11 Ottobre 2012 a “Radio Blu Napoli”, di Martedì 4 Dicembre 2012 a “Radio Entropia”, di Mercoledì 6 Marzo 2013 del Ristorante-Pizzeria “E’ quasi pronto” di Scafati, di Giovedì 21 Marzo 2013 del 1° Circolo Didattico di Poggiomarino, di Sabato 18 Maggio 2013 a Caserta, di Venerdì 22 Novembre 2013 dell’Associazione “L’Albero Rosso” di Napoli, di Mercoledì 19 Marzo 2014 del 1° Circolo Didattico di Poggiomarino, di Giovedì 8 Novembre 2014 nell’Aula Consiliare di Sarno, di Venerdì 9 Ottobre 2015 a “Road TV Italia”, di Giovedì 15 Dicembre 2016 a Giugliano, di Martedì 28 Marzo 2017 alla Biblioteca “Casa Nostra” alla Salita Cinesi nel Quartiere Sanità di Napoli.

La ventesima presentazione di questo libro sulla Pace è prevista per Domenica 28 Maggio 2017 (Festa dell’Ascensione di Nostro Signore – Festa di Sant’Emilio) presso il Centro Sociale Polifunzionale di Via Benedetto Croce a Portici alle ore 17,30.

Il libro, nonostante la data di uscita (gennaio 2012), è sempre di attualità perchè il tema “Pace” è di quelli sentiti.

Lo dimostra anche la sensibilità di chi organizza le presentazioni o di chi appoggia il libro:

il Sindacato O.R.S.A., per le feste natalizie dell’anno scorso, unitamente ad una penna ed un artistico portapenne in legno, come cadeau ai suoi Iscritti, ha donato ben 250 copie!

Un’Insegnate di Scuola Elementare, ai suoi alunni che si accingevano al loro Primo Incontro con Gesù Eucarestia due anni fa, invece del solito “pensierino della Maestra”, ha donato loro una copia del libro personalizzata alunno per alunno!!

Un Collega, per Pasqua 2015, ha legato una copia del libro ad ogni uovo di cioccolata donato a nipoti e parenti vari!!!

Tutto questo perché il ricavato va alle Vittime innocenti di camorra; tutto questo perché di Pace si sente sempre il bisogno…

 

 

Posted in Libri | Leave a comment

“Maggio, ancora. Festival di arte, musica e cultura” Si apre con Felicissime Condoglianze di Tonino Scala

Il Collettivo Vocenueva presenta la nona edizione

 

SAN GIUSEPPE VESUVIANO – Presentazione di libri con autori, ecodomeniche in piazza e la quarta edizione della Urban Parade: “Maggio, ancora”, il festival organizzato annualmente dal Collettivo Vocenueva, inizia sabato 13 con tante novità.  Continue reading

Posted in Libri | Leave a comment