Il tuffo in un passato che non ho vissuto

di Tonino Scala

Ieri, lo confesso, mi sono emozionato.

Sono andato al Supercinema ad una iniziativa organizzata dal comitato per gli scavi di Stabia in collaborazione con la famiglia Montillo e il patrocinio del comune.

Ho visto un documentario girato da Ugo Gregoretti per la Rai a Castellammare di Stabia nel 1958, titolo “Un campanile alla volta”. Un’altra città, un altro mondo, un mondo non mio che sento mio.

È la storia, le piccole storie che fanno la storia e diventano la storia di una piccola grande comunità.

Non so perché ma il bianco e nero rende tutto più bello, più poetico.

Poi ho incontrato Antonello de Simone il mio amico Antonello e… stanotte aggio penzato. Antonello, ci dobbiamo vedere.

Share this nice post:
This entry was posted in Recensioni, Riflessioni, Storie di periferia. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>