Il paese degli imbecilli

Da pochi giorni, nella mia libreria di casa, oltre a “Taranto Zio Papà, Papà Zi-Zio” (Edizioni Cuzzolin – Ottobre 2008), c’è anche “Il paese degli imbecilli” (Edizioni il papavero – 2019), sempre di Corrado Taranto.

Chi è Corrado?

E’ il figlio di Carlo e nipote di Nino.

Attore, autore e regista, ha lavorato in teatro, al cinema e in tv al fianco di Massimo Troisi, Marcello Mastroianni, Giancarlo Giannini, Jack Lemmon, Anthony Quinn, Mariano Rigillo, Luigi de Filippo, Tato Russo, Lina Sastri, Angela Pagano, Mario Scaccia, Nunzio Gallo, Tecla Scarano, Dolores Palumbo, Luisa Conte, Sandra Milo, i fratelli Giuffrè, tanto per citare i più famosi.

Docente di laboratori e corsi teatrali in numerosi teatri campani e per due anni presso l’Università degli studi di Napoli “Federico II”.

Ora si presenta con un nuova fatica libraria, la cui copertina è curata dalla piccola Aurora Cotugno Taranto.

Non è un libro che fa ridere ma non è neanche un libro che fa piangere: è, invece, un libro che fa riflettere ed anche tanto…

Scritto sulla tazza del cesso dell’autogrill sulla Napoli-Roma alle 2,05 di una normalissima domenica di aprile, anno 2019, su otto rotoli di carta igienica doppio velo alla camomilla… Per cui gli otto capitoli sono denominati rotoli.

“Sensazioni”, “Tutto ebbe inizio”, “Paura di sapere”, “Un esempio di vita”, “La camorra fa share”, “Siamo tutti buoni e uguali”, “Il vuoto”, “Il paese degli imbecilli” sono basati su un leit-motiv: un popolo di imbecilli è più facilmente gestibile.

Su questa tesi si basa il libro di Taranto, che esterna sensazioni e sentimenti, sicurezze e dubbi, ricordi e prospettive, in piena libertà di espressione.

E’ un libro “provocazione”, un libro “denuncia”, che si fa leggere molto facilmente ma che invoglia alla riflessione al termine di ogni capitolo.

Pardon, al termine di ogni rotolo…

CORRADO TARANTO

“Il paese degli imbecilli”

€ 10,00

EMILIO VITTOZZI

Share this nice post:

This entry was posted in Recensioni. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>