Colazione al chiar di luna

Sono le 7:00, ma è notte. La luna mi guarda stranita. È grande, grossa, bianca. Bianca come il giorno che sta per arrivare, ma perchè non arriva? È notte fonda. Il buio di questa notte di fine corsa si confonde con il giorno che bussa alle porte di una vita a fine settimana. È notte, ma sono già tutti in strada, l’autunno frizzante è arrivato e con lui i piumini leggeri. Le strade trasudano acqua, è la brina o qualcosa che le somiglia molto. Che strano scendere al mattino e trovare la notte, una notte buia e agguerrita in un giorno che fa a cazzotti per entrare, ma trova le resistenze del buio che vorrebbe lasciare sul divano i pensieri e le malapatenze. Buongiorno anche se è ancora notte.

Share this nice post:
This entry was posted in Riflessioni, Storie di periferia. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>