Luna migrante

La luna migrante è piena, sola col sole che l’ammira. Bianca e immensa, candida e solare, Illumina la notte calda di mondo sempre più freddo in un movimento stagnante. La intravedo tra i rami di un limone ingiallito, ha una voglia di caffè. Bella é bella, ma stasera non é romantica.

Non è nemmeno triste o bugiarda, la luna fa la luna e guarda stranita. Il cielo nero e lucente la mette in risalto come un gioiello su un bel vestito da sera. La guardo, mi guarda: chissà cosa mi vorrà dire. La luna migrante stasera é tonda e cangiante, é in eclissi parziale, coperta dall’ombra della terra, sarà per questo che ha un volto quasi umano, ma… c’é vita sulla luna?

No, non non credo, non ci sono essere umani, non c’é umanità, ma almeno lì, non é reato.

Share this nice post:
This entry was posted in Riflessioni, Storie di periferia. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>