Roma-Berlino a colpi di spread e pallone: quando il rigore non basta!

Italia-Germania, il derby dello spread. Così era  stato definito alla vigilia.  Non poteva essere diversamente per la semifinale degli europei di calcio, tanto più per il momento storico in cui capita, anche grazie alla coincidenza con il vertice Ue di Bruxelles che, a dar retta alle cronache, dovrebbe vedere anche lì un confronto tra italiani e tedeschi sulle misure da prendere per fronteggiare la crisi economica. E se Italia-Germania è già normalmente una classica, figuriamoci con queste suggestioni e questa rivalità cavalcata a colpi di spread. Roma-Berlino a colpi di spread e pallone.

Se si parla di Italia-Germania il pensiero corre a quella che è stata definita “La Partita del Secolo”. E’ il 1970, Mondiali in Messico, semifinale. Al termine dei 90 minuti regolamentari, finiti 1-1, nessuno avrebbe immaginato che in quel momento stavano iniziando i 30 minuti più emozionanti della storia del calcio. L’1-1 al termine dei tempi regolamentari è effetto dei gol realizzati da Roberto Boninsegna e Karl-Heinz Schnellinger. I tempi supplementari si aprono subito con un colpo che avrebbe steso il miglior pugile. Il gol di Gerd Muller, dopo appena tre minuti, è una doccia fredda. La reazione azzurra è però immediata. Al 98’ Tarcisio Burgnich porta il risultato in parità e al 104’un immenso Gigi Riva mette a segno il 3-2. La strada dell’Italia appare in discesa quando ancora Muller, al minuto 110 riporta la situazione in equilibrio. Dopo appena un giro di lancette, però un Paese intero esplode al gol di Gianni Rivera che porta il punteggio sul 4-3 finale, con una rete che è diventata la fotografia di un’epoca.

Nel 1982, in Spagna, la Coppa del Mondo è contesa dall’Italia di Bearzot e dalla Germania Ovest. L’Italia arriva in finale dopo un inizio di torneo deludente. Gli azzurri superano il primo girone eliminatorio con 3 pareggi, ma dimostrano grande compattezza nelle partite successive in cui hanno la meglio addirittura sulle corazzate Brasile e Argentina. Contro la Germania, l’Italia domina, ma spreca un’occasione ghiotta per passare in vantaggio con il rigore fallito da Antonio Cabrini. Nella ripresa la Germania cala ulteriormente e gli uomini di Bearzot vanno a segno ben tre volte con Paolo Rossi, Marco Tardelli e Andrea Altobelli. Serve solo agli almanacchi il gol messo a segno da Breitner nei minuti finali. “Palla al centro per Muller, ferma Scirea, Bergomi, Gentile, evviva è finita! Campioni del mondo, Campioni del mondo, Campioni del mondo!!!”. Queste le parole con cui Nando Martellini ha annunciava il trionfo azzurro. Sono parole impresse nel cuore di tutti gli sportivi italiani.

Più recente ma allo stesso modo emozionante, forse anche di più, è l’ultimo confronto tra Italia e Germania. Anno 2006, Mondiali di Germania. In semifinale gli azzurri incontrano i padroni di casa. La comitiva Lippi, reduce da Calciopoli, mette sul campo l’orgoglio tutto italiano per reagire alle batoste inflitte dagli scandali. L’Italia contro i tedeschi gioca bene, ma i 90 minuti regolamentari si concludono sullo 0-0. Anche i supplementari sembrano non regalare sussulti. Tutto lascia presagire che la finale sarà assegnata con la lotteria dei rigori. A tre minuti dalla fine, però Andrea Pirlo trova un passaggio filtrante per un semisconosciuto Fabio Grosso che con un tiro di prima in trova una traiettoria imparabile con palla che si insacca nell’angolino alle spalle. La Germania si riversa in attacco lasciando campo al contropiede azzurro. Ennesimo pallone recuperato dal capitano Fabio Cannavaro, palla a Totti, il quale lancia Gilardino. Alberto aspetta la sovrapposizione di Del Piero e poi lo serve in area. Tocco sotto del giocatore della Juventus e palla all’incrocio. E’ l’apoteosi. E per il popolo azzurro è solo l’antipasto della festa che scoppierà dopo la finale vinta ai rigori con la Francia.

2012  la partita di questa sera, la semifinale dell’europeo. Non poteva finire meglio.

5° Salvataggio sulla linea di Pirlo!! Su angolo dalla sinistra Hummels gira al volo di sinistro sul primo palo dove il regista azzurro respinge di ginocchio, fermando il pallone a Buffon!

21° Il gol – Cassano va via a due uomini sulla sinistra e centra per Balotelli che salta più in alto di Badstuber e insacca di testa da pochi passi!

37° Il gol – Lancio in contropiede di Chiellini per Balotelli che dai 25 mt infila il pallone sotto l’incrocio alla sinistra di Neuer!!! Un grandissimo gol!!

22° St Diamanti lancia al limite Marchisio che tenta il destro: palla che sfiora il palo alla sinistra di Neuer!

28°St  Lancio in contropiede per Di Natale, anticipato di testa da Hummels.

31°St Lancio in area sulla destra per Marchisio che evita Hummels e tenta il diagonale: palla che termina di un soffio a lato alla destra di Neuer!

47° Rigore per la Germania! Presunta rattenuta di Balzaretti per Klose.

47° GOL DELLA GERMANIA! OZIL SU RIGORE!

48° Il gol – Bel tiro a mezza altezza di Ozil alla sinistra di Buffon, vanamente proteso.

50° FINE PARTITA – L’ITALIA BATTE 2-1 LA GERMANIA E VA IN FINALE!!!!!!!!!!!!!

51° ITALIA CHE TORNA IN FINALE DOPO 12 ANNI AGLI EUROPEI E SFIDERA’ LA SPAGNA CAMPIONE IN CARICA

Lo spread calcistico tra Italia e Germania è stato enorme più di 500 punti. Speriamo di vincere l’altra partita, non solo la finale dell’europeo di calcio.

Roma-Berlino a colpi di spread e pallone: quando il rigore non basta!

Share this nice post:

This entry was posted in Riflessioni, Storie di periferia. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>