Tachipirina e passa il fuoco velocemente

Tachipirina e passa il fuoco velocemente. Tachipirina fai presto. Mò, subbeto! Fa caldo, un caldo che fa venire il freddo. Caldo, freddo che fa impazzire. Le gambe tremano, la testa pesa. Comme me pese stà capa. Le braccia sono flaccide. Fa caldo e la febbre sale.  E lo spread pure sale ma che c’entra? C’entra, c’entra sempre, la chiamano economia globale, una febbre che contagia. Se c’è la febbre in Grecia c’è febbre pure a casa mia! Il balcone è aperto, non tira un alito di vento. Africa fuori, dentro caldo che porta un freddo bestiale. Lo chiamano Scipione e ti entra nelle ossa. Sudo e la febbre sale. Tachipirina, passa il fuoco velocemente. Ma quante passe? L’umido si attacca addosso. Fa caldo e sto bruciando. Brucia anche la  città. Sento odore di creolina. Copre il puzzo di pipì. Di piscio che con il caldo si sente. Disinfetta creolina. Creolo colore denso che si mischia all’aria malsana. Liquido denso, di color bruno rossastro e odore di catrame, di sapore aromatico piccante che entra nelle narici. Eppure questo odore mi piace, mi ricorda le estati da bambino quei camion del comune che passavano e innaffiavano il quartiere che odore, per molti era puzzo di catrame con saponi di resina. Per me era odore di mattina, di pulito, di risveglio. Un odore che entrava e che entra questa mattina come il caldo ma meno invasivo. Disinfetta creolina con un’azione energica, antisettica. Entra senza chiedere il permesso pulisci e profuma l’aria calda che porta sudore. La febbre sale e la pressione scende. Comme me pesa sta capa! L’odore è nella testa come il caldo. Eppure la creolina non è caustica né irritante. Cosa mi irrita! Sarà il caldo la febbre, il sole, lo spread e i pensieri. Qual’è il differenziale tra i bot tedeschi e i battiti del mio cuore che aumentano con la febbre che sale, sale, sale. Sale? Voglio un po’ di dolce in questa vita amara. Tachipirina passa il fuoco velocemente. Fammi abbassare la febbre e se puoi anche lo spread!

 

Share this nice post:
This entry was posted in Ballate, Riflessioni, Storie di periferia. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>